Trilogia d'Autunno per Ravenna Festival

"Perché ancora una volta Verdi? perché non basta mai!": parola di Cristina Mazzavillani Muti, alla regia per la Trilogia d'Autunno che chiude il 29/o Ravenna Festival con un trittico di capolavori. Nabucco, Rigoletto e Otello saranno in scena dal 23 novembre al 2 dicembre, in una maratona lirica che indaga il genio di Giuseppe Verdi, trasformando il Teatro Alighieri in una 'fabbrica dell'opera' capace di dare corpo e voce a tre momenti chiave del percorso del compositore bussetano: "più affondi le mani nel suo teatro e più ti accorgi della grandezza o, meglio, della compiutezza della sua scrittura". Al servizio di questa avventura nell'universo verdiano le invenzioni del team creativo, con le più moderne tecnologie, e tre direttori d'orchestra che si alternano alla guida dell'Orchestra Giovanile 'Luigi Cherubini': Pietro Borgonovo per Nabucco, il giovane iraniano Hossein Pishkar - allievo della 3/a edizione dell'Italian Opera Academy di Riccardo Muti - per Rigoletto, Nicola Paszkowski per Otello.

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Ravenna Web Tv
  2. Il Resto del Carlino
  3. SetteSere
  4. Ravenna Web Tv
  5. Ravenna Web Tv

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Bagnacavallo

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...